Perché le vacanze fanno bene al cuore

Le vacanze fanno bene al cuore, parola di medici e specialisti. Non importa che decidiate di trascorrere qualche giorno in un agriturismo a Senigallia o in un qualsiasi hotel vicino al mare, in montagna o in una città d’arte: l’importante è cambiare aria.

L’idea di preparare i bagagli, di esplorare posti nuovi o semplicemente di accantonare per qualche giorno i problemi della routine quotidiana basta da sola a dar respiro al nostro organismo, e prima di tutto alla mente. Subentra poi, come abbiamo visto, il cuore. Perché? Lo scopriremo presto.

Perché una vacanza fa bene al cuore?

Alzi la mano chi non è preda quotidiana di ansia e stress. Perfetto, siete davvero in pochi. Lo confermano i dati raccolti da parecchi studiosi, nonché la nostra esperienza di vita quotidiana.

A tal proposito i ricercatori della statunitense Syracuse University hanno pubblicato su Psychology and Health, una nota rivista di settore, dei risultati venuti fuori da uno studio sperimentale. La ricerca ha preso in esame il caso di una sessantina di persone che, nel corso di un anno lavorativo, hanno avuto la possibilità di concedersi ben 5 momenti di pausa dal lavoro e dalla routine quotidiana. All’interno di questi momenti di pausa, era compreso un periodo di 15 giorni pagato dall’azienda per cui l’individuo presta abitualmente servizio.

Perfetto: in questo lasso di tempo i pensieri delle persone coinvolte nell’esperimento sembrerebbero essere stati tendenzialmente positivi, i livelli di stress rilevati ben sotto la media e la preoccupazione relativa alle attività di tutti i giorni o al denaro sembrava addirittura essere sparita.

La maggior parte dei soggetti coinvolti nella ricerca faceva parte della categoria delle persone ad alto rischio vascolare. Bene: durante le vacanze, analizzando le analisi del sangue dei partecipanti e sottoponendo gli stessi a vari test diagnostici e medici, si è potuta riscontrare una ridotta possibilità di pericolo. Diminuivano insomma gli elementi in grado di scatenare una crisi cardiaca, diminuivano i livelli di glicemia ed aumentava invece il generale stato di benessere.

Non esitate più di tanto perciò a prenotare quell’alloggio a Firenze che tanto vi fa gola o quella camera in un residence a Riccione che avete già adocchiato online: una vacanza allunga la vita!